giovedì 27 maggio 2010

L'"antigrazioso" in cucina: Il mio Pollo coi Peperoni "futurista" alla Romana!

Mi scuso pubblicamente per la mia recente latitanza dal blog, ma la maturità è ormai prossima ed il povero Linguini (nonostante continui a cucinare più che mai) trova sempre meno tempo per scrivere un post come si deve...

Torno così più "veloce" e "dinamico" che mai, con un post dal titolo che ha diversi significati:

In primis, sto realmente prendendo in considerazione di far ruotare la mia mappa concettuale per l'esame intorno all'intrigante cucina futurista...Ho scovato menù interi con preparazioni assurde, a mio parere davvero stimolanti nelle descrizioni...Sicuramente da provare!

In "secundis", con questa preparazione mi sento di incarnare pienamente il concetto di "antigrazioso" portato avanti da Marinetti, Boccioni, Balla & Co:

Come avrete notato, nella maggior parte dei miei post le foto non sono minimamente invitanti o ritoccate... La verità è che inizialmente ci avevo provato a farle "appetibili"...Un pò però per mancanza di mezzi (la mia macchinetta è da paragonare a quelle usa e getta), un pò per mancanza di voglia e applicazione... un pò perchè evidentemente non sono come dire "portato" (anche se rimane solo una scusante) e soprattutto perchè QUANDO MI CUCINO UN PIATTO CHE MI PIACE NON VEDO L'ORA DI FIONDARMICI DENTRO ASSAPORANDOLO CALDO E NON PERDENDO TEMPO A FARE MILLE FOTO COL RISCHIO CHE MI SI FREDDI (XD)... ho deciso di lasciare questa ultima foto del piatto al di fuori di ogni schema o canone di bellezza possibile... mantenedola cruda, selvaggia ed essenziale...Vi assicuro che per quanto possa essere brutta però, il sapore di questa preparazione è totalmente opposto: Pensate solo che ha fatto mangiare i peperoni anche a mio padre, che ha un rapporto col peperone, del tipo Superman/kriptonite (similitudine N.E.R.D.ISSIMA!XD)

Tornando a parlare di cucina, passo ad illustrarvi questa ricetta presa direttamente dal mio inseparabile volumone di ricette regionali che non mi delude mai... Si imparano cose infinite sulla nostra storia e sulla cucina partendo dalle ricette popolari; base della nostra cultura alimentare e gastronomica: Questo libro è una bomba!



Complice della riuscita del piatto è stato un ruspantissimo pollo di San Bartolomeo che vi consiglio vivamente di provare... Magari così scorderete finalmente il "sapore" della carne dei polli commerciali, che somiglia sempre di più a quello dei medicinali :-S

POLLO CON I PEPERONI ALLA ROMANA:

INGREDIENTI: (4 Pers.)

-Un bel Pollo di San Bartolomeo
-4 Peperoni verdi Bio + uno Giallo (per dare colore XD)
-4 Pomodori Bio
-1 Etto di Prosciutto in una sola fetta bella spessa e grassa (Io ho usato un San Daniele D.O.P. ma se usate un pezzo di gambuccio è pure meglio)
-Un bicchiere scarso di vino bianco secco
-Maggiorana secca
-Olio E.V.O. della Tuscia D.O.P.
-2 Spicchi d'Aglio
-Sale & Pepe q.b.

PROCEDIMENTO:

-Tagliate il pollo in pezzi medi facendo attenzione a seguire le "giunture" delle ossa e fiammeggiatelo accuratamente per eliminare tutti i residui dell'eventuale "peluria". (il mio era già in parte porzionato e privato delle interiora) Preparate in una capiente casseruola un fondo con il prosciutto tagliato a dadini o striscioline, l'aglio e 2 cucchiai di olio E.V.O.

-Fate rosolare per bene il pollo con il fondo di cottura partendo dalla pelle che dovrà raggiungere una gradevole doratura uniforme, lasciando inoltre che il grasso del prosciutto si sciolga dolcemente insaporendo come si deve tutti i pezzi del caro pollastro.

-A questo punto sfumate con il vino bianco, salate e pepate (attenti col sale! il prosciutto è già molto sapido di suo!) ed aggiungete un pò di maggiorana secca al tutto. Quando il vino sarà evaporato versate un pò di acqua calda o del buon brodo e mettete il coperchio, proseguendo la cottura a fiamma bassa per una decina di minuti circa.

-Nel frattempo lavate e pulite accuratamente pomodori e peperoni, fate a cubetti i primi ed eliminate i semi interni dei secondi, ritagliando dei rettangolini non troppo grossi. La ricetta originale prevedeva di mettere i peperoni prima in forno per qualche minuto e poi eliminare la pelle, però io sinceramente non trovo per niente fastidiosa la pelle del peperone, in particolare quando è buono e biolgico, di conseguenza l'ho lasciata intatta.

-Scoperchiate adesso il pollo per calare i peperoni, aggiungendo un pò di acqua calda e mescolando per bene, facendo amalgamare le verdure con tutti gli "umori" del pollo. Rimette il coperchio e proseguite la cottura a fiamma bassa finchè i peperoni non cominceranno ad ammorbidirsi.

-Quasi a fine cottura togliete definitivamente il coperchio ed aggiungete al tutto anche i cubetti di pomodoro. Controllate di sale, mescolate a dovere e lasciate restringere bene il tutto fin quando non si sarà formato un delizioso sughetto degno di scarpetta!



-Servite il pollo fumante, "dinamico", "veloce", "violento" e più "rivoluzionario" che mai! Cosparso dal suo delizioso intingolo di verdure e prosciutto!!!



Vi assicuro (e ripeto) che nonostante le foto "antigraziose", è un piatto da non perdere...Per una volta mettiamo da parte l'immagine facendo largo al gusto e ai sapori!

Alla Prossima (con il resoconto della fatidica cena carbonara)!

-FuturLorenzo-

4 commenti:

  1. Andrea Sponzilli28 maggio 2010 11:55

    Eccolo qua... pollo con i peperoni, quando il pollo vola!

    RispondiElimina
  2. Altro che antigrazioso! Sembra davvero buono =) La tua piastra aspetta a te!

    RispondiElimina
  3. http://www.ilrock.net/wp-content/uploads/2008/05/pene-di-bisonte.jpg

    RispondiElimina